Treffer (1 - 30) von 203

Ergebnisse anzeigen für

Produktart


Filtern nach

Zustand

Einband

Weitere Eigenschaften

Gratisversand

Land des Verkäufers

Verkäuferbewertung

Beschreibung: 2018. Softcover. Zustand: New. 2019. Softcover. Condition: New. 16 Language: Language: Italian. Reprinted from 1846 edition. The book is printed in black and white. Illustrations if any are also in black and white. Sewn perfect bound for longer life with Matt laminated multi-Colour Soft Cover. The content of this print on demand book has not been changed. Each page is checked manually before printing. Fold-outs, if any, are not included. If the book is a multi volume set then this is only a single volume. This is a reprint of a very old book so there might be some imperfections like blurred pages, poor images or missing pages. Bestandsnummer des Verkäufers S990002399974

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 1.

Beschreibung: 2018. Softcover. Zustand: New. 2019. Softcover. Condition: New. 17 Language: Language: Italian. Reprinted from 1846 edition. The book is printed in black and white. Illustrations if any are also in black and white. Sewn perfect bound for longer life with Matt laminated multi-Colour Soft Cover. The content of this print on demand book has not been changed. Each page is checked manually before printing. Fold-outs, if any, are not included. If the book is a multi volume set then this is only a single volume. This is a reprint of a very old book so there might be some imperfections like blurred pages, poor images or missing pages. Bestandsnummer des Verkäufers S990002254779

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 2.

Beschreibung: 2018. Softcover. Zustand: New. 2019. Softcover. Condition: New. 63 Language: Language: Italian. Reprinted from 1855 edition. The book is printed in black and white. Illustrations if any are also in black and white. Sewn perfect bound for longer life with Matt laminated multi-Colour Soft Cover. The content of this print on demand book has not been changed. Each page is checked manually before printing. Fold-outs, if any, are not included. If the book is a multi volume set then this is only a single volume. This is a reprint of a very old book so there might be some imperfections like blurred pages, poor images or missing pages. Bestandsnummer des Verkäufers S990000731115

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 3.

Beschreibung: 2019. Leather Bound. Zustand: New. 17 Leather Binding on Spine and Corners with Golden Leaf Printing on round Spine. Reprinted in 2019 with the help of original edition published long back [1846]. This book is printed in black & white, sewing binding for longer life, Printed on high quality Paper, re-sized as per Current standards, professionally processed without changing its contents. As these are old books, we processed each page manually and make them readable but in some cases some pages which are blur or missing or black spots. If it is multi volume set, then it is only single volume, if you wish to order a specific or all the volumes you may contact us. We expect that you will understand our compulsion in these books. We found this book important for the readers who want to know more about our old treasure so we brought it back to the shelves. Hope you will like it and give your comments and suggestions. Lang: - Italian, Pages 17, Print on Demand. EXTRA 10 DAYS APART FROM THE NORMAL SHIPPING PERIOD WILL BE REQUIRED FOR LEATHER BOUND BOOKS. {FOLIO EDITION IS ALSO AVAILABLE.} Language: Italian. Bestandsnummer des Verkäufers LB1111006699050

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 4.

Beschreibung: 2019. Leather Bound. Zustand: New. 16 Leather Binding on Spine and Corners with Golden Leaf Printing on round Spine. Reprinted in 2019 with the help of original edition published long back [1846]. This book is printed in black & white, sewing binding for longer life, Printed on high quality Paper, re-sized as per Current standards, professionally processed without changing its contents. As these are old books, we processed each page manually and make them readable but in some cases some pages which are blur or missing or black spots. If it is multi volume set, then it is only single volume, if you wish to order a specific or all the volumes you may contact us. We expect that you will understand our compulsion in these books. We found this book important for the readers who want to know more about our old treasure so we brought it back to the shelves. Hope you will like it and give your comments and suggestions. Lang: - Italian, Pages 16, Print on Demand. EXTRA 10 DAYS APART FROM THE NORMAL SHIPPING PERIOD WILL BE REQUIRED FOR LEATHER BOUND BOOKS. {FOLIO EDITION IS ALSO AVAILABLE.} Language: Italian. Bestandsnummer des Verkäufers LB1111006723367

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 5.

Beschreibung: 2019. Leather Bound. Zustand: New. 63 Leather Binding on Spine and Corners with Golden Leaf Printing on round Spine. Reprinted in 2019 with the help of original edition published long back [1855]. This book is printed in black & white, sewing binding for longer life, Printed on high quality Paper, re-sized as per Current standards, professionally processed without changing its contents. As these are old books, we processed each page manually and make them readable but in some cases some pages which are blur or missing or black spots. If it is multi volume set, then it is only single volume, if you wish to order a specific or all the volumes you may contact us. We expect that you will understand our compulsion in these books. We found this book important for the readers who want to know more about our old treasure so we brought it back to the shelves. Hope you will like it and give your comments and suggestions. Lang: - Italian, Pages 63, Print on Demand. EXTRA 10 DAYS APART FROM THE NORMAL SHIPPING PERIOD WILL BE REQUIRED FOR LEATHER BOUND BOOKS. {FOLIO EDITION IS ALSO AVAILABLE.} Language: Italian. Bestandsnummer des Verkäufers LB1111006721648

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 6.

Beschreibung: AUDINO, ROMA, 1996. In-16 oblungo, di pagg. 16 + 74 ill. in b.n. f.t., br. cop. fig. Buon esemplare. Riproduzioni fotografiche A. De Luca. Bestandsnummer des Verkäufers 509ARTE

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 7.

Beschreibung: IntraMoenia, Napoli, 2019. Zustand: NEW. Napoli: IntraMoenia, 2019 9788874212378 609 112 p. : ill. col. b/n, tavole, indice ; 24 cm. Tra il 1819 e il 1823 Luigi Rossini realizza 101 tavole che egli stesso denomina "Le Antichità Romane, ossia raccolta delle più interessanti vedute di Roma antica". Sono qui riproposte come riconoscimento ad un disegnatore che è erede del Piranesi, del Dupérac, del Falda, del Vasi, ma allo stesso tempo anche l'ultimo grande illustratore delle meraviglie di Roma: dopo di lui, spentosi nel 1857, comincia l'era della fotografia. Le sue incisioni testimoniano i più importanti luoghi archeologici della città con maestria e precisione: il taglio diagonale della veduta gli consente di graduare i piani, e un elaborato chiaroscuro piega il rame ad effetti pittorici. Con un valore in più: la collaborazione con Bartolomeo Pinelli, il grande illustratore del costume popolare, che integra armonicamente il monumento con figure e scene di vita. Il volume testimonia anche un'epoca: quella degli inizi del XIX secolo in cui la Roma papalina riscopre positivamente il valore dell'antico e di nuovi scavi archeologici, anche se colpevolmente contrapposto alle avanzanti spinte risorgimentali. Bestandsnummer des Verkäufers D0697059811

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 8.

Rossini, Luigi:

Verlag: Nürnberg, (1970)

Gebraucht
Softcover

Anzahl: 1

Von: Antiquariat im Schloss (Schwaigern, D, Deutschland)

Bewertung: 5 Sterne

In den Warenkorb
EUR 11,90
Währung umrechnen
Versand: EUR 35,00
Von Deutschland nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Nürnberg, 1970. 8°quer, Broschiert. 96 S., Mit zahlreichen Abbildungen im Text. Guter Zustand. Sprache: Deutsch Gewicht in Gramm: 900. Bestandsnummer des Verkäufers 256023

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 9.

Luigi Rossini

Verlag: Audino Sd(1988), Roma (1988)

Gebraucht

Anzahl: 1

In den Warenkorb
EUR 20,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 27,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Audino Sd(1988), Roma, 1988. Introduzione di Fabio Fiorani, commento alle immagini di Maria Francesca Bonetti. Un volume oblungo, ad album (17 cm) con le riproduzioni delle stampe di Luigi Rossini (1790-1857). Brossura editoriale. Ottime condizioni. Bestandsnummer des Verkäufers 005968

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 10.

Beschreibung: Nistri, Pisa, 1834. In 8, cm 13 x 20, pp. 7 (da p. 112 a p.118). Brossura rifatta. Stralcio dal Nuovo giornale de' letterati. Pisa ITA. Bestandsnummer des Verkäufers 39 n.415

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 11.

Luigi Rossini

Verlag: Deputazione di storia patria, Tivoli (1943)

Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Di Mano in Mano Soc. Coop (Cambiago, Italien)

Bewertung: 5 Sterne

In den Warenkorb
EUR 28,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 20,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Deputazione di storia patria, Tivoli, 1943. Brossura. Esemplare numero 301/500.A cura di Vincenzo Pacifici. Studi e fonti per la storia della regione tiburtina IX Numero di tavole: pp.77 altezza 0 larghezza 0 Esemplare in buone condizioni. Copertina con segni di usura ai tagli, imbrunimento dei bordi e presenza di tracce di polvere. Piccola macchia in quarta di copertina. Pagine ingiallite e lievemente usurate ai bordi. Bestandsnummer des Verkäufers STOLOC1002277-35759

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 12.

ROSSINI Luigi.

Verlag: Deputazione di Storia Patria Villa D'Este, Tivoli (1943)

Gebraucht
Softcover

Anzahl: 1

In den Warenkorb
EUR 30,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 18,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Deputazione di Storia Patria Villa D'Este, Tivoli, 1943. Brossura. Zustand: discrete. Cm.24,4x17,2. Pg.80. Brossura editoriale. Con 112 illustrazioni in nero fuori testo, sei in grande formato. Tiratura limitata di 500 esemplari, copia n°76. Collezione "Studi e Fonti per la Storia della Regione Tiburtina", n°9. 1000 gr. Bestandsnummer des Verkäufers 133523

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 13.

ROSSINI Luigi.

Verlag: Fabbreschi, Livorno (1855)

Gebraucht

Anzahl: 1

In den Warenkorb
EUR 30,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 18,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Fabbreschi, Livorno, 1855. Brossura. Zustand: discrete. Prima edizione. Prima edzione. Cm.22x15. Pg.60. Una tavola in grande formato. > Uccelli, 45. Bigazzi, 1550. 100 gr. Bestandsnummer des Verkäufers 130751

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 14.

In den Warenkorb
EUR 32,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 20,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: 1855. Livorno, Fabbreschi, 1855, 8vo br. orig. pp. 60 + una tav. inc. in rame rip. in fine. Bestandsnummer des Verkäufers 4-7156

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 15.

Beschreibung: Società Tiburtina di Storia e d Arte, Villa d Este, Tivoli., 1973. Zustand: Condizione esemplare: 81 p., 25 cm, bross. Buono, ordinari segni d uso e del tempo. Bestandsnummer des Verkäufers 81419

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 16.

Rossini Luigi

Verlag: Deputazione di storia patria Villa d Este, Tivoli (1943)

Gebraucht
Hardcover

Anzahl: 1

In den Warenkorb
EUR 70,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 25,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Deputazione di storia patria Villa d Este, Tivoli, 1943. Legatura in mz. tela con titolo oro impresso al dorso. Copp. editoriali conservate all interno. Ottimo esemplare. Edizione a tiratura limitata di 500 copie (ns. n. 348). 8vo (cm. 23,3), 77(3) pp. con 112 tavv. f.t. di cui 6 ripiegate. Bestandsnummer des Verkäufers 4746

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 17.

Rossini, Luigi.

Verlag: Original-Radierung, ca. 38,5 x 51 cm (Darstellung), ca. 40 x 52 cm (Plattenformat), ca. 46, 5 x 59 cm (Blattformat).

Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Antiquariat Rainer Schlicht (Berlin, Deutschland)

Bewertung: 5 Sterne

In den Warenkorb
EUR 180,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 10,00
Von Deutschland nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Original-Radierung, ca. 38,5 x 51 cm (Darstellung), ca. 40 x 52 cm (Plattenformat), ca. 46, 5 x 59 cm (Blattformat). In der Platte links unten bezeichnet: "Rossini dis. e inc.", mittig betitelt und rechts unten datiert: "Roma 1824". Aus der Folge: "Le antichità dei contorni di Roma ossia le più famose città del Lazio." Rückseitig alte Montagespuren. Breitrandiger Druck. Bestandsnummer des Verkäufers 22949A

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 18.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1822)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 200,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1822. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 455 365mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3763

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 19.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1819)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 225,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1819. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 360 460mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3703

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 20.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1819)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 225,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1819. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 450 560mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3706

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 21.

Beschreibung: Roma, 1820. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 455 360mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3721

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 22.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1822)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 225,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1822. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 455 335mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3757

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 23.

In den Warenkorb
EUR 225,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1822. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 450 350mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3758

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 24.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1823)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 225,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1823. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 570 385mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3779

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 25.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1823)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 225,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1823. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 595 395mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3784

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 26.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1823)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 250,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1823. LE ANTICHITA ROMANE La serie delle vedute di Antichità Romane, composta di 101 tavole, viene realizzata con il ricavato della e vendita dei rami della Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divise in 40 vedute edita nel 1817. Con quest opera, per il numero delle tavole e per il formato prescelto, di grandi dimensioni, l incisore vuole affermarsi come figura di primo piano nel mondo artistico romano. In quest opera Rossini si cimenta in un diretto confronto con il suo predecessore G. B. Piranesi che costituisce un punto di riferimento per un incisore di vedute antiche, per quanto riguarda l originalità e l ampiezza della riproduzione. Il Rossini, oltre a sottolineare la sua influenza nella scelta del titolo e di alcune didascalie, usa frequentemente le medesime inquadrature e identici punti di vista del maestro veneziano. Altro elemento riconducibile a Piranesi è l uso della luce e dei forti contrasti chiaroscurali. In queste tavole raggiunge una certa padronanza del mezzo tecnico che gli permette di cimentarsi in inquadrature più complesse nelle quali si nota un organizzazione spaziale molto articolata. Nelle tavole è frequente il ricorso al taglio diagonale della veduta, consentendogli una più ampia possibilità di graduare i chiaroscuri in profondità. Tuttavia essendo l opera composta da molte tavole presenta una certa discontinuità ed è possibile riscontrare in alcune di esse qualche incertezza nella impostazione prospettica ed alcune durezze nel segno. Rimanendo fedele alla tradizione corrente, la scelta dei soggetti operata dal Rossini non introduce nessuna novità; sono infatti rappresentati tutti i più importanti monumenti e luoghi archeologici di Roma. Elementi di novità sono sottolineati dalla registrazione puntuale dei lavori di indagine e di scavo intrapresi in quegli anni che dalla originalità delle inquadrature. Di particolare interesse da un punto di vista documentario sono le ultime quattro incisioni relative alla distruzione della Basilica di San Paolo fuori le mura, in seguito all incendio del 15 luglio 1823. La volontà di voler animare le vedute, restituendo il monumento al suo contesto storico e la propria inadeguatezza nel campo della figura porta Rossini ad una collaborazione con Bartolomeo Pinelli, incisore romano, interprete e illustratore del costume e della vita popolare; a cui si devono le figure e i gruppi caratteristici che corredano le vedute. Pinelli in alcuni casi, riprende i motivi tratti dalle sue precedenti raccolte di Costumi pittoreschi romani. ROMAN ANTIQUITIES The series of views Antichità Romane, made of 101 plates, was realized with the proceeds of the sale of the plates used for Raccolta di cinquanta principali vedute di antichità tratte dai scavi fatti in Roma in questi ultimi tempi divided in 40 views, published in 1817. This is the work with which the artist wanted to become one of the most important artists in the Roman cultural life; we can state that if we consider the size of the work and the subject he choose. In this work Rossini tested himself with his predecessor, G. B. Piranesi, who was considered as a point of reference when it came to ancient views and originality. Rossini, was deeply influenced by Piranesi, as it can be seen in the title, the legends, the same points of views and framing. Another important element he took from Piranesi is the use of light and the contrast of chiaroscuro. In these plates Rossini reached the higher mastery of the technique, realizing also extremely particular framings and a new and complex organization of the space. In the plates quite common is the diagonal view of the subject, which gave him the possibility to elaborate more the chiaroscuro. However, since the work is made of many plates, it is quite discontinuous and some of the plates present some indecision in the perspective formulation and a little harshness in the mark. Always following the tradition of his time, Rossini s choice of the subjects does not present any kind of originality; he actually depicted all the main archaeological sites and monuments of Rome. The sole novelty is represented by the precise record of the excavation works and analysis. Quite interesting, from a documental point of view, are the last four engravings depicting the destruction of the Basilica of St. Paul outside the wall, after the fire of July the 15th, 1823. The will to give life to his views, the reinstatement of the monuments to their historic context and the fact that he was not good with figures, brought Rossini to start a partnership with Bartolomeo Pinelli, Roman engraver and costume illustrator of daily life. He was the one who realized the figures of Rossini s views. Sometimes Pinelli took the subjects from his previous collection Costumi pittoreschi romani. Luigi Rossini incisore. Vedute di roma 1817 - 1850, catalogo della mostra a cura di L. Gavazzi, M. E. Tottoni, Roma Palazzo Braschi, 7 aprile - 15 luglio 1982. Roma 450 365mm. Bestandsnummer des Verkäufers 3789

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 27.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1836)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 250,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1836. Veduta della città tratta dal "Gli Archi Trionfali Onorarii e Funebri degli Antichi Romani Sparsi per tutta Italia", rara opera del Rossini. Pubblicata quale settima parte del grande corpus grafico dell architetto ravennate sulle antichità romane, l'opera è incentrata suglia archi trionfali e funerari eretti dagli imperatori romani. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. Molto rara. The triumphal arch of Trieste taken from "Gli Archi trionfali." by Luigi Rossini. Copperplate, in very good conditions. Very rare. 235 305mm. Bestandsnummer des Verkäufers IT478

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 28.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1843)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 250,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1843. La serie delle vedute di Scenografia degl'Interni delle più belle Chiese e Basiliche Antiche di Roma, composta di 30 tavole, edita nel 1843. Incisione in rame, ampli margini, in ottimo stato di conservazione. The series of views Scenografia degl'Interni delle più belle Chiese e Basiliche Antiche di Roma, made of 30 plates, published in 1843. Copperplate, with wide margins, in very good conditions. Luigi Rossini Incisore, 138 590 450mm. Bestandsnummer des Verkäufers S6886

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 29.

Luigi ROSSINI

Verlag: Roma (1829)

Karte
Gebraucht

Anzahl: 1

Von: Libreria Antiquarius (Roma, Italien)

Bewertung: 3 Sterne

In den Warenkorb
EUR 280,00
Währung umrechnen
Versand: EUR 40,00
Von Italien nach USA
Versandziele, Kosten & Dauer

Beschreibung: Roma, 1829. La serie delle vedute de Le Porte Antiche e Moderne del Recinto di Roma con le Mura Prospetti e Piante Geometriche, composta di 35 tavole, edita nel 1829. Incisione in rame, ampli margini, in ottimo stato di conservazione. The series of views Le Porte Antiche e Moderne del Recinto di Roma con le Mura Prospetti e Piante Geometriche, made of 35 plates, published in 1829. Copperplate, with wide margins, in very good conditions. 502 410mm. Bestandsnummer des Verkäufers S4066

Weitere Informationen zu diesem Verkäufer | Verkäufer kontaktieren 30.

Treffer (1 - 30) von 203